Come per tutte le cose verrebbe da dire “c’è digital e digital”, non certo in senso dispregiativo per qualche aspetto dell’online, dal momento che qualsiasi cosa ci aiuti a semplificare le nostre relazioni è benvenuta; “c’è digital e digital” nel senso che la rete rappresenta in molti casi l’imprescindibile supporto o l’opportunità da non lasciarsi sfuggire, ma è l’obiettivo a cui assolve che ne deve orientare l’utilizzo.

20211104 122911 768x576 1

Per fare un evento non basta un link.

Se lo scopo è quello di indire una riunione operativa, un brainstorming tra colleghi, un incontro online per verificare l’avanzamento lavori, un momento virtuale per fare gli auguri ai colleghi, le piattaforme che tutti conosciamo e di cui siamo diventati espertissimi vanno benissimo. Le stesse modalità con cui facciamo una riunione o partecipiamo ad un interessante webinar non possono essere, però, le stesse con cui organizziamo un grande evento aziendale.

Mezzi digitali, emozioni reali. 

Nulla, infatti, impedisce oggi di organizzare e gestire i classici incontri aziendali, meeting e convention, attraverso i canali digitali: l’obbligo del distanziamento sociale ha incrementato questa forma di eventi diventati in periodo di lockdown l’unica modalità possibile. A una sola condizione: di non ridurre l’evento a una sorta di grande-webinar o mega-riunione, tradendo completamente ciò che è alla base di ogni evento di successo: la sua memorabilità, unita al  coinvolgimento e alla partecipazione emotiva delle persone, passando attraverso l’esperienza di momenti di qualità sia nei contenuti istituzionali e formativi che in quelli relazionali e di intrattenimento.

foto arpa 1 1024x768 1
Arte ebru 1024x741 1

Il digitale nel nostro caso, anzi nelle nostre case histories. 

Diversi esempi concreti dimostrano che tutto questo “si può fare”, come diceva un classico film, ed anche in ENDES abbiamo diversi materiali da condividere con voi, per fornirvi esempi concreti e dettagliati di eventi che hanno lasciato qualcosa di forte nel ricordo di chi vi ha preso parte.

Se cambiamo, infatti, le formule, non deve cambiare la qualità dello spettacolo che anzi deve cercare modalità sempre più originali per “non far percepire in alcuno modo la distanza” e strappare, a secondo del momento e del contenuto, il sorriso o una sincera commozione, riuscendo a far passare le emozioni anche attraverso la fibra del digitale.

Negli eventi organizzati per i nostri Clienti abbiamo coinvolto artisti di ogni genere, comici, attori, maestri dei giochi di luce, oltre a relatori di primissimo piano. 

Con risultati fortemente apprezzati sia dai clienti che dai partecipanti.

Abbiamo accelerato un processo in atto da tempo.

La necessità di incrementare questa forma di eventi ha ulteriormente accelerato un processo di digitalizzazione nel quale, già da tempo, in ENDES avevamo investito risorse e competenze, e che ci permette oggi di garantire progetti e risultati ben al di là di quello che si può genericamente immaginare. 

Un processo che coglie le possibilità offerte dall’innovazione, ma che conserva la centralità e il valore della relazione human to human, perfettamente espresso dalla segreteria organizzativa che cura il rapporto con le persone in modo diretto e costante.

IMG 20200727 184430 2048x1536 1
NJDL4929

Continuare a pensare in grande, su ogni mezzo. 

Pertanto, se ancora la situazione pone delle limitazioni, non è il caso né il momento di limitare i propri sogni, le proprie aspettative, la propria progettualità. 

Il consiglio è ovviamente quello di rivolgersi a chi ha fatto di queste competenze digitali parte importante della propria offerta e tra queste realtà certamente ENDES è in grado di soddisfare ogni vostra particolare esigenza e volontà: integrando la nostra esperienza e competenza negli eventi in presenza con ogni nuova formula tecnologica che possa rappresentare una concreta alternativa anche quando il periodo di pandemia sarà solo un lontano ricordo. Anche in proiezione futura gli eventi in digitale continueranno, infatti, ad offrire numerosi vantaggi sia in termini di sostenibilità economica (riducendo spese di trasferta e alloggio per chi deve pernottare fuori sede) e sostenibilità ambientale, riducendo i viaggi e le conseguenti emissioni di CO2.

Senza dimenticare la possibilità di eventi misti, in modalità ibrida o come preferiamo dire phygital, con un pubblico in presenza e un altro a distanza che potrà partecipare collegandosi da ogni parte del mondo senza muovere un passo da casa o dall’ufficio.